Conservatorio di Musica – Mercato de La Concepció | Barcelona Bus Turístic

In occasione della Cursa El Corte Inglés, domenica 7 aprile, il Percorso Rosso e alcune fermate del Percorso Blu subiranno delle modifiche dalle 9 alle 14 circa .Informati nelle fermate.

  • Home
  • Conservatorio di Musica – Mercato de La Concepció

Conservatorio di Musica – Mercato de La Concepció

La transizione artistica tra Modernismo catalano e Noucentisme

Hola Barcelona, your travel solution

Nello stesso isolato dell’Eixample troverete due edifici con caratteristiche architettoniche molto diverse. Il più antico è il Mercato de La Concepció che è coperto da un’imponente struttura in ferro, visibile dalla strada. È stato costruito nel 1888, in pieno auge del Modernismo catalano. Molto vicino, si trova il Conservatorio Municipale di Musica, che è stato progettato tra il 1916 e il 1927. In esso, l’influenza modernista può ancora essere osservata, anche se predomina lo stile noucentista.

Perché visitare il Conservatorio di Musica e il Mercato de La Concepció?

Sia il Mercato de La Concepció che il Conservatorio Municipale di Musica sono due opere di grande ricchezza architettonica. Hanno in comune l’essere state costruite nell’età d’oro della città, anche se si tratta di due edifici di stile molto diverso. 

Il Mercato de la Concepció è una struttura in ferro a tre navate che è stata progettata nel 1887 dall’architetto Antoni Rovira i Trias e restaurata tra il 1996 e il 1998 da un progetto di Albert de Pineda i Álvarez. L’edificio, a tre navate, si distingue per le sue dimensioni - occupa più di 4000 m2- - e per i tetti in ceramica vetrificata a due acque, caratteristiche del Modernismo catalano. La navata centrale, la più ampia e alta, è illuminata lateralmente da sopra il tetto dei laterali, e le facciate principali poggiano su una base in pietra di Montjuïc che termina con una recinzione in ferro o forgiatura.

L’architetto del Mercato de La Concepció, Rovira i Trias, progettò altri edifici importanti della città, come il Mercato di Sant Antoni, e inoltre, una piazza nel quartiere Gràcia, che porta il suo nome, e il Passatge de la Banca, dove si trova il Museo delle Cere. Inoltre, nel 1859 fu il vincitore del concorso organizzato dal Comune di Barcellona per sviluppare l’Eixample. Nonostante ciò, alla fine fu realizzato il progetto di Ildefons Cerdà.

Il Conservatorio Municipale di Musica di Barcellona, invece, si trova in un edificio che fa parte del catalogo di edifici protetti della città ed è stato progettato dall’architetto locale Antoni Falguera, tra il 1916 e il 1927. Sottolineiamo in particolare le due torri della facciata principale, che combinano gli stili modernista e noucentista e dove si evidenzia l’influenza di Josep Puig i Cadaflach, maestro di Falguera e architetto, tra gli altri edifici, della Casa de les Punxes.

 

Come arrivare al Conservatorio di Musica e al Mercato de la Concepció?

Il Conservatorio di Musica di Barcellona e il Mercato de La Concepción si trovano nell’isolato delimitato dalle strade València, Bruc, Aragó e Girona, sul lato destro dell’Eixample. Potete arrivarvi facilmente della fermata Casa Batlló – Fundació Antoni Tàpies dei Percorsi Rosso e Blu del Barcelona Bus Turístic, seguendo Carrer de València.

 

Per i più curiosi

  • Sapevi che: Molto vicino al Mercato de La Concepció si trova una delle chiese più singolari di Barcellona. Si tratta della Basilica dell’Immacolata Concezione e dell’Assunzione di Nostra Signora. La chiesa fu costruita nel XIII secolo sui terreni espropriati per aprire la via Laietana, per questo tra il 1871 e il 1888 fu trasferita, pietra per pietra, fino alla sede attuale. Inoltre, venne aggiunto un campanile gotico di un’altra chiesa anch’essa minacciata dalla demolizione, quella di Sant Miguel.
  • Consiglio del barcellonese: Se volete comprare fiori, dovete sapere che i fiorai del Mercato de La Concepción sono aperti 24 ore al giorno, 365 giorni all’anno. E, se siete appassionati di musica, potete assistere ai concerti gratuiti realizzati dagli studenti del Conservatorio di Musica.
  • Imprescindibile per: Vedere come diverse correnti architettoniche coesistevano e venivano abbinate in uno stesso edificio.