L'Eixample | Bus Turistico Ufficiale Barcellona

A causa dello sciopero generale del 18 ottobre, il servizio del Barcelona Bus Turístic è sospeso. Ulteriori informazioni.

L'Eixample

Un piano urbanistico unico costituisce lo scheletro della Barcellona moderna

Hola Barcelona, your travel solution

Un grande distretto vertebrato da isolati ottagonali e vertici troncati a forma di parete d'angolo concentra una gran parte degli edifici con valore patrimoniale della città. Progettato dall'ingegnere e urbanista Ildefons Cerdà, l'Eixample è il risultato dello splendore borghese della Barcellona della seconda metà del XIX secolo, la rottura della città con il suo passato medievale e della volontà di diventare una città moderna.

Cosa visitare nell’Eixample?

È quasi impossibile visitare Barcellona e non passare per l'Eixample, la vera spina dorsale della città che conosciamo oggi.

L'aumento della popolazione e il peggioramento delle condizioni igienico-sanitarie all'interno della cinta muraria resero necessario un piano di espansione urbana. Il comune aprì un concorso pubblico per progettare l'urbanizzazione di 1.100 ettari di terreno tra il paese di Gràcia e la Ciutat Vella e, sebbene il vincitore fosse risultato Antoni Rovira i Trias con un progetto a maglia circolare che cresceva a radiali, dal governo centrale fu imposto il piano di Ildefons Cerdà.

Il Piano Cerdà seguiva criteri ippodamei, con una struttura a griglia in cui gli isolati di case avevano pareti ad angoli di 45° per consentire una migliore visibilità. La magia di Cerdà è dovuta al fatto che ha creato una città egualitaria, dove i servizi pubblici sarebbero stati distribuiti in modo uniforme in ogni angolo e dove gli alloggi avrebbero occupato un posto privilegiato. Il progetto urbanistico di Cerdà manca di un centro, sfrutta al massimo la direzione dei venti per facilitare l'ossigenazione e la pulizia dell'atmosfera e assegna un ruolo chiave ai parchi e ai giardini interni degli isolati degli edifici. Seguace dei movimenti igienisti, Cerdà volle proteggere soprattutto gli spazi della vita privata e progettò edifici condominiali che si univano su due linee attorno a un cortile interno attraverso il quale tutte le case ricevevano sole, luce naturale e ventilazione.

Oltre agli aspetti igienisti, il piano proposto da Cerdà era in anticipo rispetto ai propri tempi in termini di mobilità. Definì una larghezza di strada assolutamente insolita, tra i 20 e i 60 metri, in parte per fuggire dalla densità disumana che viveva la città, ma anche pensando a un futuro motorizzato, per il quale ha progettato incroci con la parete d'angolo. Prese anche in considerazione la crescita futura della città, per questo motivo la sua griglia di isolati di case ottagonali con giardini interni era pensata per poter essere riprodotta all'infinito.

Le mura di Barcellona cominciarono a essere demolite nel 1854. Nel 1860 la regina Isabella II pose la prima pietra dell'Eixample, ma lo sviluppo del Piano Cerdà durò quasi un secolo. Per tutto questo tempo, il disegno originale fu trasformato a causa degli interessi dei proprietari dei terreni e della crescita della popolazione. Nonostante le modifiche, oggi la griglia di Ildefons Cerdà è la struttura distintiva di Barcellona in tutto il mondo e la base su cui poggia la gran parte dei più importanti monumenti dell'Età dell'oro del Modernismo catalano, come la Sagrada Família, La Pedrera o la Casa Batlló.

 

Come arrivare all'Eixample?

La fermata Casa Batlló – Fundació Antoni Tàpies del Percorso Rosso e del Percorso Blu del Barcelona Bus Turístic vi lascia proprio nel cuore del distretto!

 

Per i più curiosi

  • Sapevi che: Quando il governo centrale approvò il piano di Ildefons Cerdà, molte furono le voci contrarie. La critica principale che gli si rivolgeva era che si trattava di un piano "troppo egualitario" in cui i cittadini condividevano lo stesso spazio senza concessioni di classe. I critici erano indignati per il fatto che il concorso l'avesse vinto un socialista, seguace delle idee utopistiche di Saint-Simon e Cabet.
  • Consiglio del barcellonese: Uno dei modi migliori per scoprire l'urbanistica dell'Eixample è salire su una delle terrazze dei numerosi hotel della zona. Solo dall’alto si può vedere quanto sia perfetto il disegno!
  • Imprescindibile per: Capire perché Barcellona ha questa forma così caratteristica.