Palazzo della Musica Catalana | Barcelona Bus Turístic

In occasione della Cursa El Corte Inglés, domenica 7 aprile, il Percorso Rosso e alcune fermate del Percorso Blu subiranno delle modifiche dalle 9 alle 14 circa .Informati nelle fermate.

  • Home
  • Palazzo della Musica Catalana

Palazzo della Musica Catalana

Per l’architettura del Modernismo catalano

Hola Barcelona, your travel solution

Una sala concerti modernista unica al mondo che integra tutte le arti applicate: scultura, mosaico, vetro colorato e forgiatura. Il Palazzo della Musica Catalana, Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, è opera dell’architetto modernista Lluís Domènech i Montaner, che ha progettato un edificio intorno a una struttura centrale metallica ricoperta di vetro. Oggi il Palazzo della Musica è un simbolo della Catalogna e una delle opere più spettacolari del Modernismo catalano.

Perché visitare il Palazzo della Musica Catalana?

Il Palazzo della Musica Catalana è un’opera d’arte modernista che unisce architettura, scultura, mosaico, vetro colorato e forgiatura in una sala da concerto che incanta il visitatore. Progettato da Lluís Domènech i Montaner, il Palazzo fu costruito tra il 1905 e il 1908 come sede dell’Orfeó Català e finanziato da una sottoscrizione pubblica.

L’edificio incorpora soluzioni architettoniche molto avanzate, come una struttura metallica centrale stabilizzata da un sistema di archi perimetrali e contrafforti di ispirazione gotica. La sala da concerto, una delle più singolari al mondo, è dominata dall’organo sul palco e da un lucernario centrale che rappresenta il sole e lascia filtrare la luce naturale.

La sala è decorata con figure, come le valchirie di Wagner che vengono fuori dal soffitto; le muse che circondano il palcoscenico; i busti di Anselm Clavé e Beethoven; e vari elementi della natura come fiori, frutti e palme. Per la sua costruzione, Domènech i Montaner potè contare su notevoli artisti del tempo, come il mosaicista Lluís Bru, i ceramisti Josep Orriols e Modest Sunyol e gli scultori Miquel Blay, Eusebi Arnau, Dídac Massana e Pablo Gargallo. Delle vetrate colorate si incaricò la casa Rigalt i Granell e del pavimento idraulico la casa Escofet.

Oltre alla grande sala da concerto, il Palazzo dispone del Palazzo Piccolo, un moderno auditorium inaugurato nel 2004, e della sala prove dell’Orfeó Català.

Oggi, il Palazzo della Musica Catalana continua a ospitare regolarmente concerti di musica classica e moderna, oltre ad essere un punto di incontro della vita culturale di Barcellona.

 

Come arrivare al Palazzo della Musica Catalana?

Dalla fermata Plaça Catalunya, dei Percorsi Blu e Rosso del Barcelona Bus Turístic, potete arrivare al Palazzo della Musica Catalana scendendo lungo la Via Laietana e girando a sinistra su carrer Ramon Mas.

 

Per i più curiosi

  • Sapevi che: Il primo concerto d’organo fuori da una chiesa a Barcellona fu eseguito da Alfred Sittard, organista della Cattedrale di Dresda, nel Palazzo della Musica, poco dopo la sua inaugurazione.
  • Consiglio del barcellonese: Le visite guidate offerte dal Palazzo della Musica Catalana sono essenziali per comprendere le storie raccontate dagli elementi decorativi del palazzo. Consultate gli orari e i prezzi.
  • Imprescindibile per: Gli amanti dell’arte, della musica e della cultura.