Palazzo del Marchese di Alella – Giardino di Muñoz Ramonet | Barcelona Bus Turístic

In occasione della Cursa El Corte Inglés, domenica 7 aprile, il Percorso Rosso e alcune fermate del Percorso Blu subiranno delle modifiche dalle 9 alle 14 circa .Informati nelle fermate.

  • Home
  • Palazzo del Marchese di Alella – Giardino di Muñoz Ramonet

Palazzo del Marchese di Alella – Giardino di Muñoz Ramonet

Il palazzo e i giardini del fondatore di un impero cotoniero

Hola Barcelona, your travel solution

Un palazzo noucentista di Enric Sagnier circondato da giardini progettati da Jean-Claude Nicolas Forestier sono stati oggetto di controversie per 15 anni. Il Palazzo del Marchese di Alella, residenza dell’uomo d’affari Julio Muñoz Ramonet, è un insieme architettonico che ci porta allo splendore del primo quarto del XX secolo.

Perché visitare il Palazzo del Marchese di Alella e i giardini di Muñoz Ramonet?

La prorietà di Can Fabra appartenne a Ferran Fabra i Puig, secondo marchese di Alella, che fu sindaco di Barcellona, tra maggio 1922 e settembre 1923. Tra il 1912 e il 1914, l’architetto Enric Sagnier, autore del Tempio Espiatorio del Sacro Cuore, nel Tibidabo, e dell’edificio del Museo del Modernismo catalano, tra gli altri, costruì la casa principale, un edificio rettangolare noucentista di quattro piani, due torri e una loggia di archi a tutto sesto all’ingresso. La facciata principale spicca per la decorazione di volute e mensole in pietra scolpita, mentre i coronamenti delle torri sono ispirati allo stile plateresco.

Il disegno del giardino, che è stato progettato nel 1916, fu commissionato al paesaggista francese Jean-Claude Nicolas Forestier, che introdusse in Spagna il cosiddetto "giardino mediterraneo" e creatore a Barcellona dei Giardini Laribal e Miramar, a Montjuïc. Il progetto originale aveva come elemento principale un laghetto rettangolare con una sorgente d’acqua circondata da roseti e pergole a forma di U. Il giardino, di 4.123 m², aveva una struttura di terrazze con scale per accedere ai diversi livelli.

Dopo la guerra civile spagnola, nel 1945, l’uomo d’affari che controllava le quote di importazione del cotone, Julio Muñoz Ramonet, acquistò la tenuta insieme al fratello Álvaro e, tra il 1956 e il 1957, ordinò una riorganizzazione del giardino al paesaggista Joan Mirambell i Ferran, che ne cambiò la struttura e l’orientamento, spostò il pergolato e sostituì la piattabanda di fiori della zona laterale della torre con una piscina.

Alla sua morte, nel 1991, Muñoz Ramonet affittò l’intera proprietà, formata dall’edificio principale, i giardini, la dependance dove viveva sua madre e la collezione d’arte dell’interno dell’edificio, che includeva mobili, gioielli e dipinti di Goya e El Greco, al Comune di Barcellona, ma l’eredità fu paralizzata dal ricorso delle sue figlie, in una lunga disputa che durò 15 anni. Alla fine, dopo essere stato riconosciuto come proprietà comunale, il giardino è stato restaurato e aperto al pubblico nel 2016.

 

Come arrivare al Palazzo del Marchese di Alella?

Dalla fermata Francesc Macià - Diagonal sia del Percorso Blu sia del Percorso Rosso del Barcelona Bus Turístic, arriverete al palazzo, se proseguirete lungo Carrer de Muntaner in direzione montagna.

 

Per i più curiosi

  • Sapevi che: Muñoz Ramonet fu un uomo così potente, che si diceva che "dopo Dio, comandava Muñoz". Morì nel 1991 lasciando la casa e tutta la preziosissima collezione d’arte alla città di Barcellona, ma le figlie nascosero il testamento. Nel 1994, il Comune di Barcellona ricevette una lettera dal pittore tedesco Bernd Walter che, come vendetta per non aver incassato un prestito dall’imprenditore, svelò la frode.
  • Consiglio del barcellonese: Se cercate vera pace e vi trovate nella zona, entrate nei giardini. Poiché sono stati progettati per uso residenziale, non sono così grandi come altri parchi, il che impedisce che si riempiano di corridori, ciclisti o giochi con la palla.
  • Imprescindibile per: Comprovare com’era la vita dell’alta borghesia del XX secolo.