Museo Diocesano | Bus Turistico Ufficiale Barcellona

Domenica 19 settembre, in occasione della Corsa della Mercè, il servizio del Bus Turistico di Barcellona subirà modifiche durante la mattinata, fino alle ore 15:00. Informati presso le fermate o dal personale del servizio.

  • Home
  • Museo Diocesano

Museo Diocesano

Una passeggiata attraverso l’arte religiosa catalana

Hola Barcelona, your travel solution

Un edificio gotico con un corpo rinascimentale espone oltre 3.000 opere d’arte religiose. Nell’edificio della Pia Almoina di Barcellona, due porte in acciaio dalle forme astratte vi daranno il benvenuto al Museo Diocesano.

10% di sconto sulla tua spesa online

Con un solo biglietto, goditi i tre percorsi del Barcelona Bus Turístic, salendo e scendendo dall'autobus tutte le volte che vuoi.

Perché visitare il Museo Diocesano?

Il Museo Diocesano si trova nel vecchio edificio de La Canonja, costruito sulle mura romane e abitato fino al 1369 dai canonici agostiniani della cattedrale di Barcellona. Quando l’ordine fu sciolto, l’edificio fu demolito e ne venne costruito uno nuovo per ospitare la Pia Almoina, creata nel 1099 per prendersi cura dei poveri e dei pellegrini. L’attuale edificio in realtà sono due: quello gotico, eretto intorno al 1435, che conserva ancora l’originaria porta, e quello rinascimentale, costruito intorno al 1546 e con una grande galleria superiore.

Nella parte rinascimentale, alla quale si accede attraversando porte d’acciaio astratte, opera del 1999 dello scultore Josep Plandiura, si trova la collezione del Museo Diocesano, che comprende dipinti romanici, tombe, pale d’altare gotiche, sculture, gioielli ed elementi liturgici della collezione dell’arcivescovado di Barcellona.

 

Come arrivare al Museo Diocesano?

Dalla fermata Barri Gòtic del Percorso Rosso del Barcelona Bus Turístic, arriverete al Museo Diocesano, che si trova a ridosso dell’Avinguda de la Catedral.

 

Per i più curiosi

  • Sapevi che: L’edificio della Pia Almoina venne occupato dalla polizia municipale quando, a metà del XIX secolo, a causa delle confische di Mendizabal, la maggior parte delle istituzioni religiose scomparvero. Nel 1989 è stato riabilitato e nel 1991 è passato a ospitare il Museo Diocesano.
  • Consiglio del barcellonese: All’ultimo piano dell’edificio c’è un elemento che sorprende il visitatore: si tratta di un grande caleidoscopio che è diventato uno degli oggetti più fotografati del museo.
  • Imprescindibile per: Appassionati di arte religiosa.