22@ Barcelona – Patrimonio industriale | Bus Turistico Ufficiale Barcellona

A causa dello sciopero generale del 18 ottobre, il servizio del Barcelona Bus Turístic è sospeso. Ulteriori informazioni.

  • Home
  • 22@ Barcelona – Patrimonio industriale

22@ Barcelona – Patrimonio industriale

La memoria industriale del motore di Barcellona

Hola Barcelona, your travel solution

Il progetto del 22@ ha riconvertito parte del passato industriale di Barcellona in spazi di innovazione tecnologica e ha trasformato in patrimonio industriale alcuni dei complessi più importanti della città. Nel quartiere Poblenou, le sedi aziendali della società della conoscenza coesistono con complessi rappresentativi del passato industriale, che creano un ambiente unico di tradizione e innovazione.

Cosa visitare al 22@?

Il Distretto 22@ è un’iniziativa del Comune emersa nel 2000 con l’obiettivo di trasformare 200 ettari di terreno industriale del quartiere Poblenou in un distretto produttivo innovativo. Inoltre, all’interno di questo piano è contemplata la protezione del ricco patrimonio industriale che si concentra nel quartiere. Per favorire il processo di recupero dei simboli della memoria industriale del Poblenou, nel 2006 il Comune ha incluso nel Catalogo del patrimonio della città di Barcellona 114 elementi e complessi industriali che hanno chiaramente contribuito a definire lo spazio urbano del Poblenou e che conserveranno la loro struttura, vicoli, edifici residenziali e particelle catastali con strumenti normativi specifici.

Uno dei complessi dichiarati a massima protezione, bene culturale di interesse nazionale, è Can Ricart, un impianto industriale unitario di stile neoclassico che non ha subito modifiche strutturali dalla sua costruzione, tra il 1852 e il 1854.

Un altro degli edifici protetti è Can Felipa, su Carrer de Pallars, che ci ricorda più un condominio parigino, con le mansarde in alto e le grandi finestre della facciata, che un’antica fabbrica tessile del 1855, e dove c’è il centro civico del quartiere, che offre numerose attività multidisciplinari, l’Archivio Storico del Poblenou e persino un teatro sul sottotetto.

La Escocesa è un altro esempio di riutilizzo e protezione dello spazio. Costruita a metà del XIX secolo, quando Jaume Arbós vi installò una fabbrica di prodotti chimici per il tessile, è stata catalogata nel 2007 come bene del patrimonio industriale ed è stato stabilito che due dei suoi capannoni, per un totale di 2.400 m2 fossero dedicati all’uso pubblico. Oggi La Escocesa è una delle "Fabbriche per la Creazione Artistica" che comprende più arti visive.

 

Come arrivare al 22@?

Dalla fermata Poblenou del Percorso Verde del Barcelona Bus Turístic potrete passeggiare per il quartiere e contemplare il patrimonio industriale della città.

 

Per i più curiosi

  • Sapevi che: Nel corso degli anni 1846-1847, un gruppo di seguaci del filosofo e socialista utopistico Étienne Cabet, autore del libro "Viaggio in Icaria" fondò una comunità chiamata Icària nel Poblenou. Per questo motivo, la strada costruita in occasione dei Giochi Olimpici di Barcellona 1992 prende il nome di Avinguda d’Icària.
  • Consiglio del barcellonese: Se volete fare un percorso per il patrimonio industriale che ancora si conserva nel quartiere Poblenou, vi consigliamo di dare un’occhiata a questa mappa, dove troverete la posizione di ogni complesso industriale protetto nella zona.