Plaça de Sant Jaume | Barcelona Bus Turístic

In occasione della Cursa El Corte Inglés, domenica 7 aprile, il Percorso Rosso e alcune fermate del Percorso Blu subiranno delle modifiche dalle 9 alle 14 circa .Informati nelle fermate.

  • Home
  • Plaça de Sant Jaume

Plaça de Sant Jaume

L’antico foro romano è ancora il cuore amministrativo di Barcellona

Hola Barcelona, your travel solution

Situata nell’intersezione tra il Cardo e il Decumano, le strade centrali della Barcellona romana, nella Plaça de Sant Jaume troverete la sede del Governo della Catalogna e il Comune di Barcellona. Il primo è un palazzo gotico con una facciata rinascimentale affiancata da quattro colonne doriche del II secolo e il secondo ha due facciate diverse, la principale in stile neoclassico e la secondaria in stile gotico.

Cosa vedere nella Plaça de Sant Jaume?

La Plaça de Sant Jaume è il risultato di una ristrutturazione urbanistica del 1823, che demolì diverse case, così come la chiesa parrocchiale di Sant Jaume e il suo cimitero per farne una grande piazza. Lì, dal XV secolo, si trovavano la Casa della Città e la sede delle cosiddette Corti Catalane, l’antenato della Generalitat della Catalogna. Fin dal Medioevo, questo spazio fu il centro del potere di Barcellona e della corte catalana.

La costruzione dell’edificio gotico del Palazzo della Generalitat iniziò intorno al 1410, quando le Corti Catalane, fondate nel 1283 e che rappresentavano i tre poteri politici del paese (la nobiltà, la chiesa e i probiviri che rappresentavano il popolo) acquistarono due case del Carrer Honorat per costruire il palazzo dove si dovevano riunire con il re per emanare le leggi. Le due case, la Casa del Consiglio e la Casa degli Uditori, erano unite da un giardino in Carrer del Bisbe, chiuso da una bella facciata, opera del 1416 di Marc Safont, l’architetto responsabile dei lavori durante il Medioevo.

Durante il XVI secolo l’edificio fu soggetto a vari ampliamenti; fu allora quando furono costruite la galleria gotica, il corpo di Sant Honorat e la cappella di Sant Jordi, un ottimo esempio di gotico fiammeggiante, successivamente trasformato nel Salone di Sant Jordi. Dal 1526 si fecero nuovi ampliamenti: il Cortile degli Aranci, la Camera Dorata, il campanile e la facciata, costruita dal 1597 e ispirata al Palazzo Farnese di Roma.

Il Palazzo della Generalitat non ha subito grandi cambiamenti fino al XX secolo, quando ha aperto nuovi uffici e sono stati commissionati diversi dipinti e sculture ad artisti famosi, come Joaquín Torres García e Antoni Tàpies, di cui una delle sue opere presiede la sala riunioni del governo.

Il palazzo della sede del Municipio, situato sul lato sud, è stato anch’esso costruito durante diversi secoli. Le sue origini risalgono alla seconda metà del XIV secolo, quando il Consiglio dei Cento, l’organo di governo della città fondato da Giacomo I nel 1274, commissionò i lavori all’architetto Pere Llobet. L’edificio comprendeva l’imponente Salone dei Cento, in cui si riuniva il Consiglio, e un cortile gotico, risalente al 1391. Nel XVI secolo vi furono apportate le prime modifiche, come una loggia del 1559, ma il grande cambiamento avvenne con la costruzione della facciata neoclassica, terminata nel 1847, che cambiò per sempre l’idea originale, perché da allora l’accesso avvenne dalla Plaça de Sant Jaume. Nel corso del tempo, alla Casa della Città si aggiunse il Salone delle Cronache, con disegni di Josep Lluís Sert; una scalinata d’onore, che sale dall’atrio della piazza fino alla galleria gotica; la cosiddetta “scala nera” interna; e il Salone della Regina Reggente (1860), dove si svolgono le sessioni plenarie del Municipio.

 

Come arrivare alla Plaça de Sant Jaume?

La fermata Barri Gòtic del Percorso Rosso del Barcelona Bus Turístic è un buon punto di partenza per esplorare il quartiere. Se continuate lungo la via Laietana e girate su Carrer Jaume I, arriverete alla piazza.

 

Per i più curiosi

  • Sapevi che: Al Carrer del Bisbe c’è un ponte che unisce il Palazzo della Generalitat con la Casa dels Canonges, residenza ufficiale del Presidente della Generalitat. È uno degli elementi più fotografati dai visitatori, molti dei quali non sanno che è in realtà un’invenzione neogotica del 1928.

  • Consiglio del barcellonese: il Palazzo della Generalitat si può vedere il 2° e il 4° fine settimana di ogni mese con una visita guidata gratuita da prenotare online sul sito. Il Municipio è aperto la domenica dalle 10.00 alle 14.00. Inoltre, vengono organizzate anche diverse giornate a porte aperte in date particolari.
  • Imprescindibile per: Passaggiare per il vero centro di Barcellona, dove si trovava il forum romano.